Gualtieri (Pd): con flat tax governo colpisce i deboli (askanews 05/06/2018)

MARTEDÌ 05 GIUGNO 2018 18.09.15

Gualtieri (Pd): con flat tax governo colpisce i deboli 

Gualtieri (Pd): con flat tax governo colpisce i deboli “Ai servizi tolti 70 mld, i più ricchi avrebbero aliquota scandalosa” Roma, 5 giu. (askanews) – “La riproposizione della Flat tax nel discorso programmatico di Giuseppe Conte al Senato svuota di ogni credibilità il proclamato impegno a rafforzare i diritti sociali”. Così Roberto Gualtieri, eurodeputato Pd – S&D e Presidente della Commissione per i problemi economici e monetari al Parlamento Europeo, commenta le parole del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “La Flat tax come delineata nel contratto di governo sottrarrebbe infatti 70 miliardi al finanziamento dei servizi pubblici per tutti i cittadini a beneficio della minoranza più ricca dei contribuenti – aggiunge – e costituirebbe la più colossale redistribuzione della ricchezza verso l’alto mai realizzata nella storia dell’Italia repubblicana. L’idea che un meccanismo di detrazioni possa risolvere questo problema è priva di fondamento, perché le detrazioni non farebbero venir meno il fatto che il 2,25 % dei contribuenti più ricchi, inclusi quelli con redditi stratosferici, si ritroverebbero, in evidente violazione della Costituzione, con un’aliquota che passerebbe dal 43% al il 20%: un livello scandalosamente basso che non esiste in nessun grande paese dell’Europa occidentale, dove l’aliquota massima è sempre superiore al 40%, né negli Stati Uniti, dove l’aliquota massima è al 36%, cioè quasi il quadruplo di quella minima”, spiega. “Dietro lo slogan ‘meno tasse per tutti’ il governo Conte-Di Maio-Salvini si prepara insomma a danneggiare la maggioranza degli italiani (che dovranno presto pagarsi di tasca loro i servizi pubblici oggi finanziati grazie alla progressività delle imposte) per premiare in modo smisurato i ricchi e i privilegiati. Se questo è il cambiamento, gli italiani sapranno dire di no”, conclude. Pol/Rea 20180605T180902Z

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *