Il “Made in”, un successo tutto italiano.

Proprio nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha approvato l’art. 7 del regolamento sul ‘Made in’, per la sicurezza dei prodotti di consumo. Nello specifico, il nuovo articolo stabilisce l’obbligo di indicare l’origine del prodotto facendo riferimento al codice doganale.
Il “Made in” rappresenta un successo sia per i produttori, che finalmente avranno un’arma in più per combattere la contraffazione, sia per i consumatori, che saranno così tutelati sul piano della qualità e della sicurezza. Il testo è stato approvato in prima lettura, con 485 sì, 130 no e 27 astenuti.
Credo che la definizione del ‘Made in’ sia una vittoria importante per l’Italia e per l’Europa, e premia una battaglia di lunga data del gruppo dei Socialisti e democratici (S&D) e della delegazione italiana del PD per la definizione dell’origine dei prodotti.
Ora, dopo anni segnati da un assurdo immobilismo dovuto ad una logica di veti contrapposti, il Consiglio concluda la procedura legislativa approvando la proposta del Parlamento e agisca nell’interesse dei consumatori e delle produzioni di qualità.
Come gruppo S&D ci siamo contraddistinti per le nostre lunghe e convinte battaglie per i miglioramenti e protezione dei diritti dei consumatori. Rientra anche questo nella mia personale volontà di costruire un’Europa più equa e alla portata di tutti i cittadini europei. Un’Europa migliore.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *